COME I NOSTRI SOFTWARE SCELGONO I SEGNALI DA PROPORRE SUL NUOVO CANALE HIGH FREQUENCY SIGNALS?

Il nuovo canale HIGH FREQUENCY SIGNALS, partito con l’arrivo del nostro nuovo sito lo scorso 25 marzo, è stato pensato per fornire segnali operativi sui principali indici, su una selezione di titoli e presto anche su commodities  e valute,  in maniera completamente automatizzata con i nostri software, a condizione che questi segnali abbiano una affidabilità statistica (e quindi di probabilità di successo) , secondo le valutazioni fatte dai software, superiore al 60-65%. Ed ecco perchè su questo canale ci sono e ci saranno sempre decisamente molti più segnali – e con obiettivi completamente diversi – di quanti ce ne possano essere sul canale LOW RISK, su cui invece vengono proposti quelli con affidabilità statistica superiore al 90-95%, selezionati però a discrezione del nostro staff e senza alcuna automazione. 

 

Per farvi capire meglio il funzionamento, vi spieghiamo nel dettaglio come viene proposto un segnale operativo , short o long che sia, sia sul nostro sito sia con le notifiche inviate in tempo reale dai bot automatizzati sui nostri canali Telegram.

Prima di tutto una premessa: ogni strategia  operativa viene elaborata dai nostri software sui DYNAMIC CONTROL BOX CHART. Ovviamente, a seconda che si tratti di una strategia VELOCISSIMA, VELOCE o LUNGA, cambiano completamente sia gli obiettivi (da più stretti e veloci anche in termina di dinamica del segnale; a decisamente più ampi e interessanti)  e i livelli di stop loss calcolati automaticamente. 

A proposito di stop loss, i nostri software definiscono per ogni singolo strumento trattato – tenendo in considerazione anche la volatilità storica dello strumento stesso – il prezzo al di sopra del quale le condizioni di rischio crescerebbero eccessivamente. Ed è proprio su quel prezzo che viene indicato il livello di stop loss. 

Nell’esempio che proponiamo del segnale short arrivato su NASDAQ 100 nella giornata del 28 marzo, lo stop loss era impostato al livello di 7370, ossia 25 punti sopra il limite superiore del box di controllo resistenza del DYNAMIC CONTROL BOX CHART VELOCE   dell’indice tecnologico americano. Come detto questa scelta è dovuta al fatto che dal punto di vista statistico, in considerazione della volatilità storica del nasdaq, spike fino a 25 punti sopra il limite superiore del box di controllo resistenza (posto ieri a 7345) rientrano nella stragrande maggioranza dei casi. Sopra questi livelli invece il rischio che l’indice possa tornare a salire a rotta di collo diventano troppo elevati!!!!

Ieri in mattinata il software I-ALGOTRADE, che si occupa di trading su titoli e indici, ha individuato su DYNAMIC CONTROL BOX CHART VELOCE  un area per uno short su NASDAQ 100 INDEX  posta sui 7315-7345. Lo stop loss è stato fissato in caso di raggiungimento di 7370. Due le size previste: 40% della liquidità dedicata al trade a 7315; 60% a 7335. Target: dimezzamento a 15-20 punti indipendentemente dalle size passate; chiusura poco sopra il supporto del CHART LUNGO a 7240-7270. Probabilità di successo del segnale data dal software: 77%.

 

Sopra potete vedere quanto notificato in tempo reale dai Bot dei nostri canali Telegram, che si occupano di inviare messaggio in maniera velocissima ogni qualvolta viene inserito un segnale operativo dai nostri software sulla pagina HIGH FREQUENCY SIGNALS del nostro sito www.i-algotrade.com.

Sotto potete vedere come questo segnale si è sviluppato nel corso della giornata: sulla prima size prevista a 7315, è stato inserito poco dopo dimezzamento a 7300, che è stato eseguito piu tardi. Quanto ricoperto a 7300, è stato poi sommato sulla size più importante short, prevista a 7335, eseguita poi nel pomeriggio poco dopo l’apertura dell’indice americano. Notare che il massimo toccato è stato proprio 7345, ossia il limite superiore del box di controllo. Dopo una fase di zigzag sui massimi, l’indice è poi sceso con estrema decisione, consentendo un ulteriore dimezzamento della posizione a 7316 e la ricopertura completa dello short a 7285.

Un ottimo gain, in poche ore, con un risk reward davvero fantastico.

In questa fase iniziale il canale HIGH FREQUENCY SIGNALS è ancora in fase di rodaggio, dato che ovviamente vanno sempre monitorati con attenzione eventuali rischi di bug o malfunzionamenti negli automatismi software/sito o nei bot che devono comunicare tra sito/telegram. E ciò nonostante sono stati già tanti i segnali proposti questa prima settimana!!!

A regime l’obiettivo è dare tantissimi segnali al mese, e diversi al giorno, soprattutto sui principali indici, su una selezione di titoli e sulle commodities e valute.

 

 

 

 

 

 

 

 

Post recenti